Per 36 mesi e 31 numeri ho avuto la fortuna e l’onore di poter entrare nel cuore della rivista che avevo sempre letto e usato come manuale di buona architettura.